La Corsa del Ricordo, il 10 febbraio appuntamento nel quartiere Giuliano-Dalmata

L’evento organizzato da Asi si svolgerà in occasione della giornata istituita per commemorare le vittime delle Foibe

176 0
Corsa del ricordo

Presentata presso la Sala della Giunta del Coni la VI Edizione della Corsa del Ricordo, il tradizionale appuntamento organizzato da Asi in occasione del Giorno del Ricordo, istituito dalla Repubblica Italiana, con la Legge N. 92 del 30 marzo 2004,  il 10 febbraio di ogni anno per gli italiani caduti nelle Foibe e per ricordare l’esodo delle popolazioni italiane che risiedevano in Istria e Dalmazia, scacciati dalle proprie case dalle truppe del Maresciallo Tito alla fine della seconda Guerra Mondiale

Alla conferenza stampa hanno preso parte Massimo Fabbricini, in rappresentanza del Coni, il presidente di Asi Claudio Barbaro, Roberto Cipolletti ideatore ed organizzatore dell’evento, Roberto Tavani della Regione Lazio, il Colonnello Iezzi dell’Esercito Italiano, Antonio Ballarin, presidente dell’associazione Federesuli, Carla Cace presidente delle associazioni Nazionali Dalmate, Federico Pastor presidente del Comitato organizzatore della Corsa del Ricordo di Trieste, Luciano Duchi presidente della RomaOstia, Sandro Giorgi di Asi Atletica, Alessandro Cochi  e numerosi altri ospiti di associazioni e società sportive.

Uno dei momenti più toccanti e significativi della presentazione è stato quando è stato trasmesso il messaggio registrato da Egea Haffner Tomazzoni, la bambina con la valigia ritratta in una storica foto diventata il simbolo dell’esodo delle popolazioni Giuliano Dalmate, oggi madre e nonna fiera delle sue origini e della sua storia.

La Corsa del Ricordo quest’anno si correrà domenica 10 febbraio 2019 proprio nel Giorno del Ricordo e verrà inserita nel programma delle manifestazioni commemorative organizzate in tutta Italia. Anche quest’anno si correrà sul collaudato percorso inaugurato nella scorsa edizione che, grazie alla sensibilità e alla fattiva collaborazione con l’Esercito Italiano,  attraverserà la città militare della Cecchignola.

Due i percorsi, uno competitivo di 10 chilometri, omologato dalla Fidal, ed uno non competitivo, aperto a tutti, di 3 chilometri.

La partenza e l’arrivo saranno posti, come sempre in Via Oscar Senigaglia, proprio nel cuore del quartiere Giuliano Dalmata dove è posta una stele che ricorda i caduti di quei terribili anni dove saranno effettuate le premiazioni di rito, accompagnate dalle note del silenzio intonate da un trombettiere del Gruppo Sportivo Paracadutisti che come ogni anno parteciperà attivamente alla manifestazione.


Lascia un commento