Corte di Cassazione, assemblea generale in occasione del nuovo Anno Giudiziario

Tra le autorità presenti alla cerimonia il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il premier Giuseppe Conte e la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati

194 0

Si è tenuta stamane, la consueta inaugurazione dell’anno giudiziario, presso la Corte di cassazione. Tra le autorità presenti alla cerimonia il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il premier Giuseppe Conte e la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati. In apertura la relazione del Primo Presidente della cassazione, Giovanni Mammone, ricordando il settantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, che fu approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948.

«Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti», affermazione contenuta nel primo articolo, ponendo così l’attenzione sull’importanza di «evitare ogni regressione in tema di diritti umani», incarico che – ha precisato ancora il Primo Presidente – «si è data la comunità internazionale che ha trovato esplicita formulazione nel recente G20 di Buenos Aires».

Ha poi aggiunto l’importanza della funzione che detengono le Corti supreme per l’affermazione e la salvaguardia dei diritti, negli ambiti nazionali e sovranazionali, le quali sono chiamate a fissare i principi generali di interpretazione del diritto e a guidare le decisioni di tutti i giudici.
Al termine del suo intervento, si sono succeduti quelli del Procuratore Generale presso la Corte di cassazione Riccardo Fuzio, del Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, on. David Ermini, del Ministro della Giustizia on. Alfonso Bonafede, dell’Avvocato Generale dello Stato, avv. Massimo Massella Ducci Teri, e del Presidente del Consiglio Nazionale Forense avv. Andrea Mascherin.

 

Foto della presidenza della Rep. It. per gentile concessione

In this article

Lascia un commento