Nerola, una gita nella campagna romana

Tra le bellezze che impreziosiscono la cittadina c’è il Castello Orsini in stile romanico-medievale

32 0
Nerola, Castello Orsini

Adagiata sulle propaggini settentrionali dei Monti Lucretini, la città di Nerola sorge a un’altezza di circa 450 metri s.l.m. lungo la statale Salaria, su di un alto contrafforte al confine tra le province di Roma e Rieti. Situata in posizione pittoresca, la cittadina deve il proprio toponimo probabilmente al sabino “nero” o “nerio”, ovvero “forte” e “valoroso”: difatti l’iscrizione sulla fontana della piazza del Municipio riporta la scritta “A Nerone tuum Nerola nomen habet”, la quale fa risalire l’origine del nome all’imperatore romano Nerone che apparteneva alla gens Claudia, di lontane origini sabine.

Alla scoperta di Nerola

Oltre alle sue origini databili in epoca romana, Nerola ha visto generare la sua storia intorno alla costruzione del maniero che tutt’oggi è l’attrazione principale della cittadina: il Castello Orsini. Pur mancando dati certi riguardo la sua datazione, il castello vede la sua costruzione nel X-XI secolo, diventa  successivamente proprietà degli Orsini, famiglia che ne levò le torri angolari e lo circoscrisse con mura di cinta.

Lo stile del castello

Realizzata in pieno stile romanico-medievale, la costruzione s’impreziosisce di saloni arredati con arazzi e mobili d’epoca, facendo dei suoi giardini maestosi la cornice all’incredibile vista sulla campagna romana di cui il maniero gode. Oltre al castello, Nerola ha coltivato nel tempo diversi appuntamenti che ogni anno fungono da richiamo tra i suoi vicoli per curiosi e affezionati: tra di essi, sicuramente degna di nota la Sagra della Polenta che quest’anno si terrà il 18 novembre 2018.

Diletta Murgia


Lascia un commento