Roma e l’ordinanza sul blocco del traffico: la politica green va avanti

Fino al prossimo 31 ottobre 2018 vietato l’ingresso ai veicoli a benzina EURO 2 nell’area verde della Capitale

102 0

Di Marcello Mastino

Dallo scorso 20 novembre 2017 fino al prossimo 31 ottobre 2018, il Comune di Roma ha vietato l’ingresso e la circolazione degli autoveicoli a benzina EURO 2 all’interno dell’area ZTL Anello Ferroviario del Piano generale del traffico urbano. Una scelta non di poco conto considerando anche l’alta presenza di polveri sottili unito ad un inquinamento non indifferente nella Capitale. Ridurre lo smog, a tutela della salute dei cittadini, è l’ obiettivo del Campidoglio che con questo provvedimento cerca di rispondere ai rilievi effettuati da ARPA Lazio, che sottolineano la presenza di polveri sottili oltre la soglia: “Contenere le emissioni inquinanti e contribuire a sensibilizzare la cittadinanza sul tema della qualità dell’aria e a un uso responsabile delle fonti energetiche” è l’ obiettivo del Comune da sempre dichiarato. L’ordinanza stabilisce il divieto di transito, nei giorni e negli orari specificati, per motoveicoli e ciclomotori PRE-EURO 1 ed EURO 1, autoveicoli a benzina EURO 2 oltre gli autoveicoli a benzina PRE EURO 1 ed EURO 1 ed autoveicoli a diesel PRE EURO 1, EURO 1 ed EURO 2. Alle nuove limitazioni d’ingresso, l’ordinanza prevede inoltre l’esenzione per i seguenti veicoli: quelli muniti di contrassegno per persone invalide, vetture adibite a servizio di polizia sicurezza ed emergenza e  soccorso stradale, veicoli di pronto intervento per acqua, luce e gas. Le misure, prese a salvaguardia dell’aria cittadina, sono garantite dalla Polizia Locale di Roma Capitale che dovrà assicurare l’osservanza del provvedimento comunale. Il blocco del traffico è un ottimo toccasana per l’aria cittadina ma funzionerà? A giudicare dai numeri della giornata del 19 novembre (in concomitanza con la prima delle “Domeniche a piedi” nella quale sono incluse anche le Euro 6, sembrerebbe di sì: su 2033 verifiche, 433 sono state le multe effettuate dal corpo di vigilanza di Roma per una media di una contravvenzione ogni cinque controllati. La “linea verde” assunta dalla Giunta comunale fin dal suo insediamento  in Campidoglio è il passo ulteriore di un programma green volto al miglioramento della qualità dell’aria che si respira in città. Ed è partendo da qui che L’assessorato alla Sostenibilità ambientale coinvolgerà i Municipi al fine di promuovere e quindi realizzare iniziative che richiamano la promozione alla sensibilizzazione delle persone sul tema. L’utilizzo responsabile delle fonti energetiche  è il punto da cui partire per una migliore qualità dell’aria e dei suoi effetti sulla salute e sull’ambiente.

 

In this article

Lascia un commento