Lezioni di primo soccorso nelle scuole italiane

Alunni di tutte le età saranno coinvolti nel progetto del Ministero dell’Istruzione

202 0

di Claudia Pennacchio

A partire dal prossimo febbraio, in alcune scuole italiane gli studenti impareranno a riconoscere le situazioni di pericolo e a discernerne la gravità. Saranno insegnati loro l’utilizzo del defibrillatore, la pratica del massaggio cardiaco e delle manovre antisoffocamento.

Il nuovo progetto è promosso dal Miur in collaborazione con la Sis 118 (Società italiana sistema 118) e la Federazione italiana di cardiologia, prendendo come riferimento le idee della “Buona Scuola”. Saranno coinvolti gli alunni dalla scuola dell’Infanzia sino alle Superiori e insieme a loro anche insegnanti e personale Ata. Nel periodo di prova il progetto “Primo soccorso a scuola” coinvolgerà le province di Trieste, Padova, Sondrio, Savona, Macerata, Perugia, Pistoia, Latina, Campobasso, Salerno, Taranto, Vibo Valentia e Sassari.

Per ogni provincia saranno coinvolti gli studenti di 14 classi, questi frequenteranno corsi pratici e teorici per due mesi, sotto la guida e l’attenta supervisione degli operatori del 118 e di volontari che si occuperanno della formazione ai dirigenti scolastici e agli insegnanti. Per gennaio è prevista l’apertura del portale web su cui sarà possibile reperire le informazioni ufficiali e il materiale didattico.

Per l’anno scolastico 2018-2019 è invece previsto l’ampliamento del progetto a tutte le scuole italiane, con un possibile coinvolgimento delle famiglie degli studenti. Come sottolinea la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, è fondamentale che gli studenti conoscano le tecniche di primo soccorso, in modo da essere consapevoli della possibilità di salvare una vita anche in assenza di adulti ed operatori specializzati, puntando solo sulle loro capacità.


Lascia un commento