La Grande Sfida

Le macchine elettriche finalmente sorpassano quelle a benzina

197 0

di Salvatore Giorgio Dino

Quasi 150 anni fa il costruttore chiamato Benz intuì l’importanza di un veicolo da trasporto efficente ed invento la prima carrozza a motore. Nasce la prima macchina e una nuova rivoluzione: forse una delle piu’ importanti per l’uomo nel settore dei trasporti. Pochi anni dopo, nel 1910 un altro visionario dal nome Ford fondò un modello industriale di costruzione e lancio sul mercato la prima macchina di massa: la Ford T. In pochi anni l’auto entra a far parte della nostra vita con milioni di veicoli prodotti ogni anno.

Al tempo il problema dell’inquinamento non era sentito ma tutte quelle macchine iniziarono a soffocare le città con i loro gas di scarico fino ad arrivare agli anni 70: lo smog era arrivato a tal punto di concentrazione da intossicare tutti. I governi iniziarono a mettere limitazioni sempre più pesanti ai fabbricanti, cercando di arginare il problema, ma arrivò il punto che le macchine erano semplicemente giunte a un picco evolutivo e non si poteva fare nulla. Lo stesso problema era sia negli Stati Unti così come in Cina o in Giappone.

Quest’ultimo era particolarmente attenta al problema avendo un paese territorialmente piccolo e città con milioni di persone, e iniziarono a pesare a nuovi modo di produrre le auto. La prima fu Honda che ripensò totalmente il design del motore riprogettandolo e che portò l’azienda ad essere un player internazionale. Ma anche questo iniziò a non bastare più e, poiché il paese era carente di risorse come il petrolio, iniziarono a pensare ad unire un motore elettrico a quello benzina.

Ma ancora lo smog soffoca le nostre città e serve qualcosa di piu’ radicale. Ed ecco che Elon Musk, fonda Tesla, e si lancia nella sfida di produrre macchine totalmente elettriche, belle ed efficienti e che sta veramente rivoluzionando il settore tagliando drasticamente le emissioni e ispirando moltissime altre aziende. La sfida per un futuro verde è cominciata.


Lascia un commento